Psicologo con sedi ad Arese e ad Agrate Brianza

Sede di Arese (Milano) Piazza 5 giornate, 26/D

Sede di Agrate BrianzaVia IV Novembre, 2

039 59 65 836info@mentesicura.it

Attacchi di panico, sintomi e rimedi

By 9th febbraio, 2017 Salute No Comments

Cosa sono e come curare gli attacchi di panico

Durante il corso della nostra vita, ci sono dei momenti che ci mettono alla prova, che ci spaventano e che ci fanno sentire agitati, ansiosi, impazienti, sempre preoccupati. Spesso questi episodi si risolvono naturalmente, bisogna invece prestare attenzione se si fatica a gestire l’ansia. Presi dalla vita di tutti i giorni, è facile minimizzare, aspettare che passi, ma l’ansia quando è trascurata o “messa a tacere” in modo del tutto inaspettato e imprevedibile da origine, a volte,  agli attacchi di panico.
Questi disturbi , perché di questo si tratta, si insinuano bruscamente nella nostra vita, con dei sintomi molto forti e in un certo senso spaventosi.
Sono episodi di intensa paura e di terrore, a volte si scatenano a seguito di ansia sempre più crescente, a volte arrivano quando siamo rilassati e tranquilli (quando stiamo cucinando o addirittura dormendo)

Sintomi attacchi di panico

terroreChi li ha avuti li descrive come eventi inaspettati (anche notturni) che provocano un’alterazione della frequenza cardiaca (palpitazioni), sudorazione improvvisa, tremori, la sensazione di non riuscire a muoversi, vertigini, dolori al petto, nausea e vomito. Caratteristico di questi stati è la sensazione di perdita di controllo di sé e della propria mente, la paura di morire o di impazzire.
E’ vissuta come un’esperienza terribile, e scatena la paura che questa sensazione possa ripresentarsi, un ulteriore sintomo quindi è quello di evitare strenuamente il posto in cui è avvenuto il primo attacco (ascensore, aereo, luoghi affollati). La particolarità di questo disturbo è la paura della paura, a volte il sintomo non si manifesta molto spesso ma la paura che ritorni influenza e cambia lo stile di vita e la serenità della persona che ne è stata colpita; la paura di tornare ad aver paura diventa un pensiero costante.
Questi picchi di sofferenza hanno una durata variabile, dai 10 ai 20 minuti dove il picco della paura può durare anche pochissimi minuti.

Cause attacchi di panico

Gli attacchi di panico sono più frequenti nei periodi stressanti della vita di un individuo, spesso vengono quando i propri punti di riferimento vengono stravolti, per esempio la perdita del lavoro, una separazione, una malattia propria o di una persona cara, o anche a seguito di avvenimenti piacevoli come nuove nascite, matrimoni o lauree che portano sempre con sè oltre alla felicità anche lo stress di un nuovo cambiamento.
A volte invece le cause devono essere ricercate in modo più approfondito con l’aiuto di uno psicologo/psicoterapeuta.

Come gestire gli attacchi di panico

Questa sintomatologia dev’essere affrontata il prima possibile, se trascurati peggiorano, diventando più frequenti e sempre più invalidanti.
Sono una “spia” che deve far capire che qualcosa non sta andando come vorremmo o che qualche aspetto della nostra vita ci fa soffrire più di quello che pensavamo.
Se gli attacchi si ripresentano con maggiore frequenza o non accennano a diminuire è bene prendere contatto con uno psicologo/psicoterapeuta.

Come combattere gli attacchi di panico

La prima precauzione, raccomandata anche dal Dott. Nardone, esperto e studioso di questo disturbo, è quella di evitare di evitare. Sembra un paradosso, ma questa indicazione riflette la natura del disturbo. Come spiegato in precedenza, evitare le situazioni per la paura di stare male, alimenta la paura stessa. Quando decidiamo di evitare una situazione spaventosa, inizialmente ci sentiamo più rilassati, più sicuri ma con il trascorrere delle ore il nostro cervello vive questa decisione come una sconfitta, una frustrazione, capisce che non ci sentiamo in grado di farcela e subentra un senso di tristezza e di sconforto.
Per la cura di questo tipo di disturbo, che colpisce secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il 20% della popolazione mondiale, ci sono dei protocolli precisi e standardizzati che hanno un’elevata efficacia e che portano ad una risoluzione del 92% dei casi.
Potete quindi contattarci al 3398313207, se sentite che la vostra vita gira intorno a questo disturbo. Vi consigliamo intanto anche il libro del Dott. Nardone “Non c’è notte che non veda il giorno” per iniziare a conoscere meglio questo disturbo.

Quando si manifestano gli attacchi di panico

I luoghi in cui si manifestano i primi attacchi di panico sono statisticamente gli ascensori, i luoghi aperti e affollati, gli aerei, i sotterranei, le autostrade oppure durante alcuni eventi di vita come la gravidanza o la preparazione del matrimonio, la perdita del lavoro, l’elaborazione di un lutto.
Un’attenzione particolare va riservata agli attacchi di panico notturni, in cui i sintomi si insinuano durante la notte, arrivando a svegliarci di soprassalto. Sono numerose le chiamate notturne al 118 per attacchi di panico notturni scambiati per infarti. Il nostro consiglio, nel caso di attacchi di panico notturni, è di chiedere un consulto ad un esperto (info@mentesicura.it) prima possibile, la compromissione al riposo notturno può compromettere velocemente la qualità della vita.

Menetesicura News Letter

Menetesicura News Letter

Vuoi essere sempre informato su tutte le attività, news ed eventi di Mentesicura? Iscriviti. Non riceverai spam !