Psicologi e Psicoterapeuti con sedi ad Arese e ad Agrate Brianza

Mio figlio va male a scuola

By 11th Marzo, 2017 Psicologia infantile No Comments

È successo tutto d’un tratto e nessuno sa spiegare come. Mamma Lucia sa solo che un giorno l’hanno chiamata da scuola e le hanno spiegato che se suo figlio continua così rischia la bocciatura. Lucia è rimasta senza parole, non se lo aspettava. Ha subito chiamato Andrea, il papà di Thomas (non stanno più insieme da qualche anno), per capire cosa fare. Anche è Andrea si è stupito. Si chiedono come sia possibile che questo stia capitando proprio a loro.
È sempre stato un ragazzo con la testa a posto Thomas. Da piccolo pochi capricci, tendenzialmente ubbidiente. Anche quando Lucia e Andrea si sono separati Thomas non ha dato problemi, anzi.
Forse ha un disturbo dell’apprendimento? Dislessia? Discalculia?
Mamma e papà si attivano immediatamente: uscite con gli amici vietate (tranne nel weekend, se no…), ripetizioni 2 volte a settimana e ogni sera controllo del diario e dei voti sul registro elettronico.
Thomas va, fa quello che gli dicono.
Qualcuno ha chiesto a Thomas che cosa sta succedendo? In realtà se anche lo avessero fatto, Thomas non avrebbe saputo rispondere. È tutto ok, tutto come prima. Eppure…
Eppure Thomas non riesce più a concentrarsi in quello che fa. La testa si sconnette dopo qualche secondo, i pensieri vagano. È triste Thomas? Qualcosa lo turba? No, non lo sa. Ma nemmeno lo vuole sapere. Perchè pensare fa male. Perchè accendere la testa fa tornare alcuni pensieri strani, sensazioni spiacevoli.
Allora meglio spegnerla, questa testa. Chi se ne frega se così non riesce più a imparare, se non prova più interesse per le cose che fa. Tanto, a chi importa?!

Leave a Comment

MENTESICURA NEWSLETTER

Vuoi essere sempre informato su tutte le attività, news ed eventi di Mentesicura?
Iscriviti!
Non riceverai spam! 
ISCRIVITI
GET FREE AUDIT